Sergio Fermariello

  • Senza titolo Fermariello,1995,100x170

    Tecnica: olio su tela Dimensioni:  100 x 170 cm Anno: 1995

  • Senza titolo Fermariello,1992,75 x 57

    Tecnica: acrilico su carta Dimensioni:  75 x 56 cm Anno: 1992

Dall’età di vent’anni decide di dedicarsi esclusivamente all’attività artistica. 
La sua ricerca parte dal recupero dei modelli, memorie familiari che si estendono poi ad una ricerca più approfondita nel recupero di un’inconscia memoria collettiva.
 Nel 1989 espone per la prima volta in una personale alla Galleria Lucio Amelio con la quale intraprende una lunga collaborazione di lavoro. Espone in diverse mostre personali tra le quali quella alla Galleria Il Capricorno di Venezia nel 1990 e alla Galerie Yvon Lambert di Parigi nel 1992. È anche presente in alcuni importanti appuntamenti internazionali quali la mostra Metropolis alla International Kunstausstellung di Berlino del 1991 e la mostra Les pictographes al Musée de l’Abbaye Sainte-Croix di Les Sables-d’olonne dove Didier Ottinger lo invita ad esporre i suoi lavori accanto a dipinti di Klee, Miró, Picasso, Penck, Sanejouand. Nel 1993 è chiamato da Achille Bonito Oliva a partecipare alla XLV Biennale di Venezia con una sala personale nel Padiglione Italia. Nel 1995 espone nella mostra Opus Alchemico alla Galleria In Arco di Torino alcuni lavori a carattere tridimensionale, a metà strada fra la pittura e la scultura che costituiscono una tappa ulteriore nel giovane percorso dell’artista. Vive e lavora a Napoli.